martedì 9 luglio 2013

la città in comune


Ciccio Auletta, che sfidò il sindaco di Pisa alle elezioni.

9 commenti:

  1. unocheeravamogioviniluglio 10, 2013

    scusate posso dire.. ciccio era, vent'anni fa, quando si lottava, occupava, manifestava, parlava parlava parlava, a me molto antipatico. a pelle. a mente fredda. per il politichese da bande. per i modi strafottenti, per la presunzione per le parole d'ordine trite, per l'arroganza dei temi forti, per la mancanza di sensibilità per certi altri temi sempre negati da chi fa politica e non vive la politica.. chissà se è cambiato. sicuramente, da quel che so, sempre meglio di questo vostro sindaco sarebbe stato!
    e comunque già ai tempi si sapeva che avrebbe perseverato!

    RispondiElimina
  2. Cambiato non lo so, lo conosco poco e di persona da poco tempo. Sicuramente ha grandi doti di catalizzatore ed è stato in questi anni (parole d'ordine con varia frittura mista certo) al centro di almeno un paio di esperienze che reputo fondamentali per la vita di questa città: parlo di Pisanotizie e Rebeldia, con tutte le contraddizioni dei casi.

    Puoi metterla anche in questi termini: questa foto è qua perchè è uno sfoggio di degradazione dei piani del fuoco, un banale esempio di quello che abitualmente fa il mio amatissimo Summicron 50.

    RispondiElimina
  3. obiettivo da gustare sperimentare vezzeggiare!
    un giorno chissà che anco a me sarà dato di provarlo!!!

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  5. Mah.. il sistema è impazzito, fa tutto lui e da solo, è la seconda volta che capita e questa volta mi chiama pure Unknown.
    Vabbè, il senso era quello, l'hai letto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. unknown ... forse hai trovato il modo per non farti riconoscere nemmeno dal sistema.. io fossi in te ne gioirei!!!

      Elimina
  6. Io concordo con Matteo da Montalcino Milanese.

    RispondiElimina