giovedì 4 novembre 2010

Ansel Easton Adams, feb 20/1902 | apr 22/1984




è importante rendersi conto che tanto la fotografia espressiva (detta anche creativa) quanto quella di documentazione non sono in rapporto diretto con quello che noi chiamiamo realtà
[ IL NEGATIVO, introduzione, 8va riga, direi che si comincia bene ]

6 commenti:

  1. La realtà e i fatti non sono fratelli. Sono cugini.
    (Edward Bunker)

    RispondiElimina
  2. lo sapevo ,lo sapevo,prima o poi il passato torna.guardati anche der blau engel(versione originale).a te scoprire cosa hanno escogitato

    RispondiElimina
  3. Studia.
    E chiama gli amici quando hai bisogno, capra. Lo dice anche il proverbio.

    RispondiElimina
  4. il testo di adams che citi è veramente fatto bene, a me è piaciuto molto. se sei in vena di studi leggiti anche la camera chiara di roland barthes ed. einaudi. (se non lo trovi io ce l'ho)
    baci

    RispondiElimina
  5. uno che passav di lìnovembre 05, 2010

    La realtà sarebbe reale solo se potesse osservarsi da se sola...
    appena è mediata (esposta attraverso un medium) diviene immancabilmente altro. Perde la sua incontaminata purezza essenziale.

    In fondo ogni rappresentazione del reale è finta. Due volte.

    Una finzione la inserisce la scelta dell'operatore che inquadra questo e non quello, che sfuoca, traspone i piani, sceglie il taglio, le luci ecc ecc
    La seconda la da il mezzo con cui la realtà viene catturata (la fotocamera, la cinepresa, il pennello ecc ecc. ognuno impone i suoi canoni)

    ma queste sono seghe...

    tu...
    FOTOGRAFA!!!!

    abbrax
    effeti

    RispondiElimina