mercoledì 7 maggio 2014

C'era una volta Wes Anderson


Insomma mi piacerebbe sapere perchè nessuno mi aveva avvisato prima. Mi sono sentito come quando la fidanzata ti fa le corna col tuo migliore amico e sei l'unico a non saperlo.
Certo che rispetto a questo fantastico Moonrise Kingdom Grand Budapest Hotel è un film piuttosto commerciale e anche ripetitivo nei temi (son tutti cosi?), ora posso pesarlo e inquadrarlo meglio. Farsi raccontare le favole resta comunque uno dei più grandi piaceri che ci siano nelle nostre vite senza fantasia e questa, in più, l'ho trovata anche lievemente erotica, e senza malizia.

7 commenti:

  1. ti sei portato avanti

    RispondiElimina
  2. Moonrise Kingdom è proprio un gioiellino. Come in tutti i film suoi è tutto perfettamente curato, però non so, questo, forse perché i protagonisti sono due bambini, c'ha una leggerezza maggiore. Gran Budapest mi è piaciuto, ma forse era fintroppo esagerato e contorto.

    RispondiElimina
  3. Wes Anderson è grande musica classica. Ma a me 'e mi garba 'r'roccherrò.

    RispondiElimina
  4. Perché tu, caro Ico, fai differenza di genere

    RispondiElimina
  5. The Life Aquatic with Steve Zissou!!!

    RispondiElimina
  6. riguardato ieri sera
    meraviglioso, tutto e tutti
    mi ero dimenticata che c'erano Tilda Swinton e Harvey Keitel; mi ero dimenticata anche di Bruce Willis
    Bill Murray coi pantaloni a quadri e il buzzo è fenomenale
    e poi il narratore col cappellino
    e la colonna sonora è bellissima

    forse forse potrebbe essere il n. 1 per me di WA; ma voglio rivedere i tanenbaum. Anche Steve Zissou è il mio preferito ma è così assurdo che non entra in nessuna graduatoria. Steve Zissou esiste è basta.

    RispondiElimina
  7. http://www.internazionale.it/video/cinema/2014/01/13/il-meglio-di-wes/

    RispondiElimina