lunedì 15 dicembre 2014


Verso le sette del mattino del 21 agosto 1911 - un lunedì - quest'uomo, Vincenzo Peruggia*, entrò al Louvre e si portò via la Gioconda sotto la giacca.
Due anni se l'è tenuta in casa, due: poi s'è fatto un viaggio (in treno?) fino a Firenze col quadro in valigia nel vago sogno nazionalista di riportare la bella in patria ed è finita come sappiamo.
Niente male, Vincé.

*Originario di Trezzino, frazione di Dumenza, un paese del nord della provincia di Varese, vicino al confine con la Svizzera. Il padre Giacomo era muratore mentre la madre Celeste si occupava dei lavori domestici e dei cinque figli: quattro maschi e una femmina. Appreso in giovane età il mestiere di imbianchino e verniciatore, seguì per lavoro il padre a Lione nel 1897. Essendo di costituzione gracile nel 1901 venne riformato dal servizio di leva e nel 1907 emigrò in cerca di lavoro a Parigi, percorso già compiuto da altri emigranti italiani. Qui si ammalò di saturnismo, malattia dovuta all'intossicazione da piombo, metallo contenuto nelle vernici utilizzate dagli imbianchini. Vista la lontananza dall'Italia egli tenne contatti epistolari con la famiglia alla quale inviava saltuariamente modiche somme di denaro. Assunto dalla ditta del signor Gobier, venne mandato con altri operai al Museo del Louvre con il compito di pulire quadri e ricoprirli con cristalli e compì il suo furto la mattina del 21 agosto 1911. Il 5 giugno del 1914 venne processato dal Tribunale di Firenze, fu riconosciuto colpevole con le attenuanti e condannato a un anno e quindici giorni di prigione per furto aggravato. Questa pena fu ridotta in appello il 29 luglio a 7 mesi e 8 giorni di reclusione (quando uscì, trovò un gruppo di studenti toscani che gli offrirono il risultato di una colletta, a nome di tutti gli italiani: 4.500 lire). Scarcerato, Peruggia partecipò alla Prima guerra mondiale e, dopo Caporetto, finì in un campo di prigionia austriaco. Terminata la guerra, il 26 ottobre del 1921 si sposò con Annunciata di quindici anni più giovane. Tornò in Francia utilizzando un espediente: sui documenti per l'espatrio sostituì Vincenzo con Pietro, suo secondo nome. Si stabilì a Saint-Maur-des-Fossés, periferia di Parigi dove nel 1924 nacque la sua unica figlia, Celestina, che ricordava come in paese da piccola la chiamassero "Giocondina", deceduta nel marzo 2011. Vincenzo Peruggia morì l'8 ottobre del 1925 a Saint-Maur-des-Fossés a causa di un infarto.

1 commento:

  1. un'"inezia"pensando a quello che rubano oggi
    gli italiani !!

    RispondiElimina