venerdì 3 giugno 2016



2 commenti:

  1. Sogna l'anima in pena di inabissarsi
    in fondo agli occhi della sirena
    verdi come l'assenzio
    che la notte brilla sul mare nei porti
    cantava quel marinaio che dalla mia terra
    non volle salpare
    Viaggio d'andata senza ritorno
    bella Livorno, mi fermo qui
    dentro a un bordello come a Paris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello, bellissimo testo.
      Ma dunque i veri poeti esistono ancora!
      (Io li cerco sempre ,anche nelle librerie, che ormai non hanno più posto per loro.)

      Elimina