mercoledì 15 settembre 2010

tra mythos e logos


ho visto un fantasy/colossal americano in zuppa mitologica
(di cui per senso del pudore non dirò il titolo)
Medusa però mi ha discretamente colpito,
..era una sul genere timida/aggressiva, palesemente

5 commenti:

  1. Per onor di cronaca, "Le due opere più significative in cui si incontra la figura di Caronte sono sicuramente l'Eneide di Virgilio e la Divina Commedia di Dante. Alla fine del V secolo a.C., compare nella commedia Le rane di Aristofane, in cui urla insulti nei riguardi della gente che lo attornia.

    Viene spesso detto che Caronte trasportava le anime attraverso il fiume Stige; ciò è descritto nell'Eneide (VI, 369)[senza fonte]. Comunque per molte fonti, incluso Pausania (X,28) e, in seguito, l'Inferno di Dante, il fiume era invece l'Acheronte" (cit. wikipedia)

    RispondiElimina
  2. Uno coi dubbi omerici che passava di lìsettembre 17, 2010

    Ma Medusa non era quella che quando era nervosa diceva..."C..zo, oggi ho una biscia per capello"
    o mi sbaglio con Tina la parrucchiera?

    mah...??... boh!?

    RispondiElimina
  3. e dillo che film hai visto, dai! Io che ho visto la solitudine dei numeri primi l'ho ammesso

    RispondiElimina
  4. scontro di titani? nel caso nulla di ciò che hai visto è aderente ai mito di Perseo

    RispondiElimina
  5. sulla solitudine ho letto il libro
    e mi è anche piaciuto,
    il film si era lui, ma se è per questo mi è sembrato non avesse nulla di aderente a nessun tipo di concetto umano esistente

    RispondiElimina